Come aprire un’erboristeria


Aprire una erboristeria conviene?

Rifacendosi alle ultime indagini di mercato. Secondo le più recenti ricerche, il consumo ai prodotti erboristici da parte dei consumatori, aumenta ogni anno di circa il 40%.
Questo incremento percentuale si fonda principalmente su due motivi:

  • la volontà dei consumatori di ritornare a fidarsi di ciò che la Natura ci offre, acquistando prodotti naturali.
  • la consapevolezza che nutrirsi e prevenire malattie con prodotti erboristici sia la scelta migliore da fare per il propio benessere cercando di ridurre anche l'uso eccessivo di farmaci tradizionali.

Cosa serve per aprire un’erboristeria

aprire un erboristeria

In una erboristeria deve esserci un vasto assortimento di:



Vendere prodotti preconfezionati cioè NON alimentari : basteranno le licenze e le regolamentazioni di base.

Vendere propri, realizzati in laboratorio autonomamente: ti sarà necessario conseguire una Laurea triennale in Scienze erboristiche, in Farmacia o in Chimica e tecnologie farmaceutiche. Potrai studiare anche per una Laurea di specializzazione in Farmacognosia o Scienza e tecnica delle piante officinali. La legge prescrive che tutti i corsi di laurea assimilabili alla triennale in Scienze erboristiche consentono l’accesso alla vendita.

Inoltre date l’importanza che merita alla scelta dei fornitori, un altro passaggio rilevante per la vostra erboristeria. I prodotti da esporre e da vendere devono essere di buona qualità, solo così aumentano le possibilità di arrivare a creare un giro di clienti numeroso. In parole semplici, la strada da seguire è dare importanza a tutti gli aspetti senza trascurare assolutamente nulla.

Leggi l'approfondimento su come scegliere i prodotti giusti per la propria erboristeria

Costi per aprire una erboristeria:

Uno dei principali vantaggi offerti da questa attività, consiste che inizialmente possiamo contenere i costi, in quanto Il locale non deve necessariamente offrire spazi molto ampi. Le spese di gestione e di approvvigionamento delle materie prime sono molto contenute e, almeno inizialmente, la figura del titolare può essere sufficiente per soddisfare autonomamente le richieste dei clienti.

Burocrazia per aprire un’erboristeria

Dopo aver trovato il locale e curato minuziosamente l’arredamento arriva il momento di dedicarvi alle pratiche burocratiche. Servono l’iscrizione nel Registro elle Imprese presso la Camera di Commercio competente territorialmente e aprire la Partita IVA.
L’apertura della Partita IVA è possibile direttamente allo sportello di una delle sedi fisiche dell’Agenzia delle Entrate, inviando la richiesta tramite raccomandata con ricevuta di ritorno o attraverso il servizio telematico. I modelli per aprire la Partita IVA sono disponibili presso gli uffici dell’Agenzia stessa oppure possono essere scaricati online dal sito ufficiale. Va inoltre precisato che per fruire della modalità telematica per richiedere la partita IVA occorre avere le credenziali di accesso ai servizi online.

Fare tutto da soli è possibile, ma stiamo parlando di pratiche burocratiche per le quali serve comunque un minimo di conoscenza della materia e tempo disponibile. Se non si vogliono correre particolari rischi ed accelerare i tempi di disbrigo dell’intero processo burocratico è meglio richiedere la consulenza di un buon commercialista.


Bisogno d'aiuto?
Scrivici su Whatsapp

Chiedici su Whatsapp: +39 340 8792491